Vantaggi fiscali per l'installazione di un sistema di sicurezza 2022

Sicurezza per i privati 2022: i vantaggi fiscali per l’installazione di un sistema di sicurezza a casa

Anche per il 2022 il Governo italiano ha confermato il bonus fiscale per le ristrutturazioni edilizie, agevolando l’installazione di sistemi di sicurezza per tutti i privati che desiderano mettere in sicurezza la propria abitazione o il proprio condominio attraverso l’installazione di sistemi di videosorveglianza e sistemi antintrusione.

Agevolazioni fiscali 2022: i vantaggi per i privati

La Legge di Bilancio ha prorogato il bonus fiscale per le spese inerenti ad “interventi relativi all’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio di compimento di atti illeciti da parte di terzi” sostenute dal 1° Gennaio 2022 fino al 31 dicembre 2024 nella misura del 50%.

In particolare, in base alle indicazioni dell’Agenzia delle Entrate sono agevolabili:

  • Sulle singole unità abitative: Allarme/sistemi antifurto (finestre esterne: installazione, sostituzione dell’impianto o riparazione con innovazioni; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline; fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati),
  • Sulle parti condominiali: Allarme (riparazione senza innovazioni dell’impianto o riparazione con sostituzione di alcuni elementi).

Oltre alle spese necessarie per l’esecuzione dei lavori, ai fini della detrazione è possibile considerare anche:

  • le spese per la progettazione e le altre prestazioni professionali connesse,
  • le spese per l’acquisto dei materiali,
  • il compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti,
  • l’imposta sul valore aggiunto.

Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all’Irpef: in particolare, l’agevolazione spetta non soli ai proprietari, ma anche ai titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie) ed agli inquilini di un immobile.

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione IRPEF del 50% del costo sostenuto fino ad un massimo di €96.000 di importo totale, comprendendo tutte le spese nell’ambito del progetto di ristrutturazione di una casa, villa od appartamento (di conseguenza, nella dichiarazione è possibile detrarre fino ad un massimo di massimo di €48.000, ossia il 50% di 96.000). Il bonus opera sotto forma di detrazione dell’IRPEF ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo.

Inoltre, il credito d’imposta è anche cedibile* all’azienda che effettua il lavoro (ai sensi del Decreto Rilancio, Legge 77/2020, articolo 121).

*Qualora si collochi all’interno di interventi di manutenzione straordinaria/ristrutturazione/restauro/risanamento conservativo e quindi vi sia il rilascio di un titolo abilitativo edilizio da parte del comune competente.

Detrazione fiscale per l’installazione di un sistema di sicurezza: cosa fare per ottenerla

Per poter accedere ai benefici è indispensabile che:

  • i pagamenti delle fatture vengano eseguiti in modo da poter essere tracciati, attraverso un bonifico parlante in cui vengono riportati i riferimenti della fattura del fornitore, il codice fiscale del soggetto che effettua il pagamento e il codice fiscale del beneficiario della detrazione,
  • indicare nella dichiarazione dei redditi i dati catastali identificativi dell’immobile,
  • conservare le ricevute dei bonifici di pagamento nonché le fatture e ricevute comprovanti le spese sostenute.

Con l’obiettivo di supportare tutti i privati che desiderano proteggere la propria abitazione usufruendo del bonus ristrutturazioni 2022, Italsicurezza mette a disposizione un servizio di consulenza specifico, volto a supportare i clienti durante tutte le fasi dell’installazione di un impianto e nelle procedure burocratiche e amministrative necessarie.