agevolazioni fiscali per l'installazione di un sistema di sicurezza in azienda

Sicurezza e aziende: le agevolazioni fiscali 2022

Risparmiare mettendo in sicurezza la propria attività? Con le agevolazioni fiscali per aziende 2022 è possibile! La Legge di Bilancio 2022 ha modificato le modalità di accesso al credito di imposta per le imprese, consentendo alle aziende e non solo ai privati di investire in sicurezza.

Agevolazioni fiscali 2022 per la sicurezza delle aziende: credito d’imposta del 6%

La legge di Bilancio 2022 (art. 1, comma 44, legge n. 234/2021) ha confermato la possibilità di usufruire di un credito d’imposta pari al 6% per gli investimenti in beni strumentali nuovi a da tutte le imprese ubicate nel territorio dello Stato, estendendo l’opportunità anche agli investimenti effettuati dagli esercenti arti e professioni (art. 1, comma 1061, legge n. 178/2020).

L’incentivo comprende sia beni strumentali materiali (sistema di videosorveglianza, controllo accessi, sistema antintrusione, nebbiogeno, sistemi di rivelazione incendio, presidi antincendio, sistemi Uomo a Terra) sia beni strumentali immateriali (consulenza, analisi dei rischi e delle necessità, progettazione, installazione, integrazione). In entrambi i casi, l’acquisto deve riguardare beni strumentali nuovi, escludendo quindi il revamping o le attività di manutenzione e assistenza.

Il credito d’imposta è utilizzabile tramite compensazione attraverso il modello f24 per un limite massimo di 2 milioni di euro.

Per le imprese ammesse al credito d’imposta, la fruizione del beneficio spettante è comunque subordinata alla condizione del rispetto delle normative sulla sicurezza nei luoghi di lavoro applicabili in ciascun settore e al corretto adempimento degli obblighi di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali a favore dei lavoratori.

Non solo credito d’imposta: riduzione del tasso medio di tariffa INAIL con i sistemi uomo a terra

Le aziende che effettuano interventi per il miglioramento delle condizioni di sicurezza e di igiene nei luoghi di lavoro possono accedere ad una speciale riduzione del tasso medio di tariffa INAIL. I sistemi uomo a terra risultano la soluzione ideale per tutelare in maniera efficace e a norma di legge i lavoratori isolati che operano in solitudine, grazie alle funzionalità in grado di riconoscere la caduta, l’immobilità e la mancanza di verticalità. In caso di emergenza, i sistemi attivano i soccorsi attraverso un alert, in modo automatico o manuale. Possono, inoltre, essere dotati di servizi GPS, consentendo quindi di localizzare il lavoratore in difficoltà.

Adottando i sistemi uomo a terra, le aziende potranno accedere allo sgravio fiscale INAIL attraverso la compilazione del modulo OT23 a cui allegare la documentazione attestante la realizzazione degli interventi. L’INAIL concederà la riduzione attraverso un sistema a punteggio, assegnando un valore ad ogni tipologia di intervento in rapporto alla tipologia di azienda: il punteggio assegnato ai sistemi uomo a terra può variare dai 20 ai 50 punti.

Altre agevolazioni fiscali per la sicurezza delle aziende

Oltre al credito d’imposta del 6% è possibile accedere ad alcune altre opportunità potenzialmente fruibili per l’acquisto di sistemi di sicurezza: