L'analisi dei rischi in ambito residenziale

La professionalità e la qualità dell’intervento di un System Integrator non si notano soltanto ad opera terminata: gran parte del lavoro viene svolta prima della concreta installazione delle tecnologie, soprattutto nella fase di valutazione. La fase di valutazione rappresenta un punto cruciale nell’iter di realizzazione di un impianto di sicurezza in contesto residenziale, in quanto permette di comprendere al meglio le reali necessità del Cliente e le peculiarità del luogo in cui si andrà ad operare. Durante questa fase si effettua l’analisi dei rischi e delle necessità, ossia quel processo che inizia con l’ascolto del Cliente e che prosegue con lo studio del contesto e la valutazione delle migliori soluzioni installabili per la mitigazione del rischio.
L’ascolto del Cliente è il primo passo per comprendere al meglio i suoi bisogni. Nel caso di un privato infatti, è importante riuscire a definire il profilo dell’utente e del suo nucleo famigliare, tenendo presente la storicità di eventuali eventi negativi (come furti o atti criminosi) ed il loro esito su beni e persone. Inoltre, sarà essenziale apprendere le abitudini quotidiane e gli usi dei soggetti coinvolti, tracciando le loro interazioni con il mondo esterno e i loro tempi. Ultima, ma non meno importante, è la necessità di chiarire aspettative e obiettivi, in modo da costruire un’efficace e solida base di informazione che servirà poi per realizzare successivamente l’impianto.

Per la buona riuscita dell’intervento, sarà indispensabile individuare il livello di sicurezza adeguato senza andare a stravolgere le abitudini del nucleo famigliare. Le tecnologie utilizzate dovranno integrarsi al meglio con lo stile di vita delle persone coinvolte, adattandosi ai loro ritmi e ai loro bisogni. Per questo è importante studiare soluzioni su misura e customizzabili in base a necessità e obiettivi del Cliente.

Il consulente dovrà comprendere quali sono i rischi collegati all’area. Le tipologie di rischio sono riassumibili in:
Intrusione scopo furto (solo di beni);
- Furto/Rapina (persone all’interno);
- Rapina/Coercizione; (persone all’interno);
- Coercizione/Rapimento lampo. (persone all’interno); 

A queste categorie sono legate le condizioni di rischio, ossia tutti quei fattori che rappresentano la declinazione concreta dei vari rischi:
- Intrusione in abitazione senza la presenza di familiari o altri;
- Intrusione in abitazione con la presenza di familiari allo scopo di furto-rapina;
- Intrusione in abitazione con la presenza di familiari e permanenza allo scopo di coercizione per l’ottenimento di azioni da parte dell’imprenditore;
- Intrusione in abitazione con la presenza di familiari e prelievo di persona per l’ottenimento di azioni da parte dell’imprenditore.

Il sistema di sicurezza dovrà inoltre tenere conto delle caratteristiche fisiche dell’area, del contesto sociodemografico e della tipologia di zona e struttura (quartiere, casa in campagna, condominio, villetta a schiera, ecc…).

Per ottenere il miglior risultato possibile, sarà opportuno tenere presente gli elementi costitutivi di un impianto efficiente. Un sistema di sicurezza è infatti costituito da 3 tipologie di difesa:
Difese Fisiche (recinzioni, infissi, porte blindate e qualsiasi tipo di barriera posta nelle varie aperture);
- Difese Elettroniche (sistemi di allarme);
- Difese Procedurali (intervento dell’uomo).

L’effettiva efficacia viene raggiunta solamente bilanciando in modo equilibrato le tre tipologie di difesa. I migliori risultati in fatto di inibizione degli attacchi si sono ottenuti nei casi in cui l’intruso, dopo essere stato rilevato dal sistema d’allarme, si è trovato ad essere ostacolato da un’ulteriore difesa passiva con resistenza media di almeno 5/6 minuti, riuscendo a dividerlo dall’interno dei locali o comunque dall’accesso a beni o persone.

Per riuscire a realizzare un impianto di sicurezza realmente efficace, non basta solamente installare delle apparecchiature standardizzate in modo corretto. Studiare il singolo caso e progettare soluzioni su misura rappresenta la chiave per l’effettiva mitigazione del rischio: la preparazione è il primo passo verso un impianto di alta qualità.