Termocamere vs Termoscanner: qual è la differenza?

Termocamere o termoscanner, questo è il dilemma. Nonostante siano termini entrati a far parte dell’uso comune a causa della necessità di misurazione della temperatura come strategia preventiva contro la diffusione del Covid-19, la differenza tra le due applicazioni non è sempre così chiara agli utenti. La pandemia che attualmente sta tristemente affliggendo il nostro mondo ha portato all’introduzione nel mercato di numerose soluzioni nate con l’obiettivo di mitigare il rischio di contagio. Molte di queste sono state adattate alle attuali esigenze, mutando da meri strumenti di security ad apparecchiature per la safety.

Termocamere e termoscanner vengono infatti utilizzati in modo specifico per la rilevazione della temperatura in aeroporti, stazioni, strutture sanitarie, aziende, stabilimenti o negozi, permettendo al personale addetto di individuare rapidamente soggetti con febbre maggiore di 37.5°C. Nonostante queste soluzioni abbiano il medesimo compito, sono dotate di caratteristiche diverse e si basano su funzionalità differenti.

Con termoscanner si intende “Strumento per la misurazione in tempo reale della temperatura corporea” (Treccani). Questi device vengono quasi interamente rappresentati da:
  • i comuni termometri ad infrarossi;
  • i temperature screening gate, ossia particolari varchi in grado di effettuare la misurazione della temperatura sul polso o sulla fronte semplicemente attraversandoli;
  • I multi-function detection terminal, speciali tablet in grado di effettuare la rilevazione della temperatura o della mascherina a seconda delle specifiche di ogni prodotto.

I termoscanner si avvalgono di thermopile o di micro-bolometro. I thermopile sono dispositivi elettronici che convertono il segnale termico in energetico e lo trasformano in un valore riconoscibile dall’utente. Il micro-bolometro, invece, è un particolare meccanismo realizzato con materiali assorbenti in grado di rilevare con precisione la temperatura di qualsiasi soggetto al di sopra dello zero assoluto.

I dispositivi con sistema infrarossi, al contrario delle termocamere, si contraddistinguono per una minore distanza di lettura (dai 5 cm ai 50 cm), riducendo il numero di check effettuati.
Pur rientrando all’interno della definizione dell’enciclopedia Treccani, le termocamere si contraddistinguono dai termoscanner per la loro applicazione. Le termocamere vengono assemblate esclusivamente con micro-bolometro e possono essere fisse o portatiliIl vantaggio esclusivo delle termocamere risiede nella loro capacità di effettuare la misurazione della temperatura a più individui contemporaneamente, evitando la formazione di assembramenti o code. Alcune soluzioni possono rilevare la temperatura fino a 30 persone, riducendo tempi e costi di controllo.

Al di là delle differenze, temperature screening gate, mult-fction detection terminal e termocamere si configurano come lo strumento ideale per velocizzare le procedure, automatizzando i processi per la misurazione della temperatura. Italsicurezza, in quanto system integrator, è in grado di individuare la soluzione per body temperature detection più idonea sulla base delle necessità del Cliente e del contesto da monitorare, permettendo inoltre l’integrazione dei dispositivi con altri sistemi di sicurezza.