Sono importanti le informazioni dell’azienda e dei propri clienti?

In un panorama che ha visto l’evoluzione delle normative in ambito GDPR, per i System Integrator il processo di convergenza tra sicurezza logica e fisica causata dal progressivo annullamento della distinzione tra mondo digitale e fisico e la diffusione delle tecnologie IoT, ha messo ulteriormente in evidenza i rischi legati alla connettività e alle minacce derivanti da una mancanza di regolamentazione. Le sole difese digitali non sono infatti sufficienti a tutelare completamente i dati in possesso dalle aziende, in quanto incidenti o attacchi avvengono spesso a causa di vulnerabilità presenti nel mondo fisico o nel modo in cui le informazioni vengono trattate e trasmesse.

Per le aziende, a prescindere dall’obbligatorietà di essere compliant al GDPR, le informazioni costituiscono una risorsa strategica per le attività di business e quindi risultano un patrimonio aziendale da difendere e valorizzare. Da qui deriva la necessità di porre grande attenzione alla gestione e all’uso delle informazioni, andando a tutelare gli interessi del Cliente e dell’impresa all’interno di un rapporto caratterizzato da trasparenza e fiducia.
Ma come è possibile gestire in maniera adeguata le informazioni in circolazione, tutelando gli interessi di tutte le parti? Il modo migliore è quello di implementare un sistema di sicurezza delle informazioni di standard elevato, distinguendo e gestendo in maniera appropriata le informazioni classificate ad Uso Pubblico, Uso Interno e Riservate.

Innanzitutto, un’informazione è un dato che ha acquisito un significato stabilito dall’utente. Non devono essere considerate informazioni solamente i dati in senso stretto: tutto ciò che è identificabile come conoscenza di un soggetto o di un’azienda (come relazioni, documenti cartacei, processi, sistemi, ecc..) deve essere protetto e tutelato. La sicurezza delle informazioni non dipende esclusivamente dagli strumenti tecnici e dalla protezione dei sistemi informatici, ma deve estendersi andando a coinvolgere tecnologie, persone, ruoli e procedure aziendali. Oltre ad essere considerato una standard normativo definito nella ISO 27001, il sistema di gestione della sicurezza delle informazioni è prima di tutto un orientamento aziendale, che pone al centro di processi e procedure un adeguato trattamento e conservazione dei dati in circolazione.

Per comprendere l’importanza di questo punto, è bene partire dall’analisi dei rischi elencando i pericoli in cui è possibile incorrere in un sistema non protetto. Dato il processo di informatizzazione consolidato nelle aziende, i dati vengono custoditi e scambiati all’interno di database su server, talvolta anche in-cloud e attraverso device informatici come chiavette usb, hard-disk esterni, NAS, Smartphone, Tablet ecc. Trattandosi di strumenti informatici, questi potrebbero essere vittima di attacchi informatici da parte di hackers, nonché minacciati da diversi tipi di malware (Worm, Trojan, Ransomware, Spyware, ecc.…) o da altre tecniche malevoli come phishing, spoofing, sniffing, social engineering ecc. Inoltre, i suddetti sistemi potrebbero subire un guasto tecnico dovuto a rotture o incendi, nonché essere perduti dal proprietario esponendo i dati all’interno a molteplici rischi. Le informazioni contenute potrebbero quindi essere perse e distrutte, lette da persone non autorizzate o da entità concorrenti, nonché vendute sul dark web in cambio di denaro.

Adottando un sistema di sicurezza delle informazioni, le aziende avranno il dovere di implementare un’adeguata infrastruttura IT integrata a precise procedure, stabilendo i termini, le modalità e le utenze che potranno entrare in contatto con determinati dati, rispettando i tre principi cardine della sicurezza delle informazioni. In questo modo, sarà possibile realizzare un sistema in grado di permettere alle aziende di reagire prontamente in caso di attacco o incidente, limitando le perdite e i conseguenti danni e riprendendo la propria attività rapidamente.

I principi sulla quale si baseranno le procedure sono 3:
  • Riservatezza – le informazioni dovranno essere accessibili solo al personale autorizzato, protette durante la loro trasmissione e per tutto l’arco di tempo della loro memorizzazione;
  • Integrità – le informazioni dovranno essere trattate in modo che siano difese da manomissioni e modifiche non autorizzate;
  • Disponibilità – le informazioni devono essere utilizzate nei tempi, nei modi e secondo le modalità previste.Saranno inoltre stabiliti precisi standard riguardanti possibili attacchi, danneggiamenti (volontari o involontari) o perdite di dati, determinando responsabilità e iter da seguire per notificare i fatti alle autorità e, se necessario, ai diretti interessati.

Allo stato attuale, è impensabile parlare di sicurezza fisica senza aver preso in considerazione la sicurezza delle informazioni. Occuparsi di sicurezza a 360° significa dare la giusta rilevanza e curare con attenzione tutti gli aspetti legati alla tutela di beni, spazi, persone e dati. È proprio questo che fa Italsicurezza: offrire soluzioni integrate ed efficaci, tutelando la sicurezza dei Clienti in modo integrale.



Articoli correlati:
Italsicurezza è certificata ISO/IEC 27001:2013!