5 motivi per cui dotarsi di Termocamere Fisse

L’attuale emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di Coronavirus ha causato il blocco di molte attività e la limitazione di molte altre. Il monitoraggio e il controllo dei contagi rappresentano due valide soluzioni per riuscire a contingentare il Virus, che risulta essere facilmente trasmissibile attraverso il contatto umano. Per riuscire nell’intento, è infatti necessario dotarsi di tecnologie adatte allo screening della temperatura corporea, con lo scopo di individuare rapidamente soggetti con temperatura maggiore ai 37,5°C. Le termocamere fisse rappresentano la soluzione ideale per il monitoraggio dei contagi, permettendo di svolgere le proprie attività in sicurezza.
Ma perché è importante dotarsi di questi dispositivi? Ecco 5 buoni motivi per cui le Termocamere Fisse sono la migliore soluzione per body screening detection.

1. AFFIDABILITÀ E PRECISIONE
Queste tecnologie permettono di effettuare la misurazione della temperatura a distanza, mantenendo uno spazio di sicurezza dai target. Nonostante la lontananza, le termocamere fisse sono strumenti estremamente precisi, dotate in genere di un grado di accuratezza di 0,3°C minimizzando le possibilità di errore o di falsi allarmi. Inoltre, è possibile dotarsi di uno speciale accessorio in grado di migliorare ulteriormente le capacità dell’apparecchio: il Blackbody.
 
2. AUTOMATICITÀ E PRATICITÀ
Le termocamere, sebbene necessitino sempre dell’assistenza di almeno un incaricato, sono strumenti in grado di attivare alert automatici, avvisando immediatamente il personale qualora venissero riscontrate delle anomalie. Inoltre, le termocamere potranno interagire con altri dispositivi, come smartphone, tablet e pc dello staff autorizzato.
 
3. GDPR E CORONAVIRUS: USO DEI DATI OTTEMPERANTE ALLE NORME
Il Protocollo d’intesa fra sindacati e imprese siglato il 14 marzo 2020 e il Comunicato del Garante del 2 marzo forniscono le indicazioni da adottare in tema di rilevamento della temperatura dei dipendenti all’ingresso sul luogo di lavoro. La temperatura è un dato sensibile che il Garante precluderebbe all’azienda, ma, date la situazione di emergenza e l’introduzione del Protocollo d’Intesa tra sindacati e imprese, è possibile per i titolari rilevare la temperatura dei propri dipendenti all’entrata a patto che il dato non venga registrato. L’archiviazione del dato sarà possibile solo nel caso in cui sia superiore ai 37,5°C, negando l’accesso in struttura al soggetto in stato febbrile e attivando le procedure necessarie. 

4. VELOCITÀ DI MISURAZIONE
Le termocamere fisse effettuano la rilevazione della temperatura molto rapidamente senza necessitare della collaborazione del target, evitando così la formazione di file e assembramenti. Questi strumenti sono in grado di misurare la temperatura anche a gruppi di persone, fino a 16 soggetti contemporaneamente, mantenendo inalterate le normali procedure di flusso.
 
5. INTEGRAZIONE CON ALTRI SISTEMI
Grazie alle competenze di System Integrator e l’esperienza specifica su termocamere, Italsicurezza offre un servizio di integrazione tra termocamere fisse e sistemi di controllo accessi. Tramite questa integrazione, sarà possibile concedere o meno l’autorizzazione ad accedere a determinate aree, in base al livello di temperatura rilevato. Nel caso in cui la misurazione riscontrasse una temperatura maggiore ai 37,5°C il varco del controllo accessi negherebbe l’entrata al soggetto in stato febbrile, con conseguente attivazione di tutte le procedure indicate dalle misure di prevenzione anti-contagio. Questa funzione integrata tra tecnologie differenti risulta particolarmente utile per aziende e stabilimenti produttivi, che saranno quindi in grado di controllare giornalmente lo stato di salute deipropri dipendenti, fornitori, visitatori, lavoratori nei cantieri e di isolare eventuali casi sospetti, prevenendo così il contagio e ottemperando quindi anche alle disposizioni presenti nel protocollo per la sicurezza siglato tra governo e sindacati.
 
Dotarsi di tecnologie per body screening detection è il modo migliore per continuare a svolgere la propria attività in modo compliance alle normative, mitigando così il rischio di trasmissione del Covid-19.Proprio per questo, è importante affidarsi al giusto professionista, in grado di valutare le tecnologie più idonee e proporre le soluzioni migliori per tutelare la sicurezza e la salute delle persone.



Articoli correlati:
Coronavirus e Termocamere: un aiuto per monitorare la pandemia
Scanner termici, controllo accessi e aziende: come mitigare il rischio di contagio da Coronavirus
Coronavirus: le implicazioni su Privacy e Sicurezza dei dati​
INAIL: misure anti-contagio da Coronavirus per la fase 2 
Fase 2: tra prevenzione e tutela dei dati 
Termocamere fisse: doppio sensore contro il Covid-19